Pavimento pelvico e mal di schiena

La lombalgia è comune in tutto il mondo, con un’incidenza del 60-80% della popolazione. Ha un forte impatto sulla qualità della vita e sulla salute.

Per la gestione terapeutica della lombalgia cronica è comunemente usato l’esercizio terapeutico, in particolare l’allenamento dei muscoli stabilizzatori centrali tra cui, fondamentali, sono appunto i muscoli del pavimento pelvico. La disfunzione muscolare del pavimento pelvico, come dimostrato dagli studi di Sjödahl J e coll. (The postural response of the pelvic floor muscles during limb movements: a methodological electromyography study in parous women without lumbopelvic pain. Clin Biomech 2009) è associata allo sviluppo della lombalgia.

Disegno dello studio

Questo trial in doppio cieco, randomizzato e controllato ha arruolato pazienti di età compresa tra 18 e 60 anni, con dolore lombare cronico non specifico per ≥3 mesi, con o senza radicolopatia. I pazienti sono stati reclutati dal Dipartimento di Medicina Riabilitativa, Pudong New District Gongli Hospital, Shanghai, Cina, tra agosto 2010 e maggio 2012. Criteri di esclusione: (i) dolore continuo> 8 su scala analogica visiva (VAS; il dolore e 10 rappresentavano il peggior dolore possibile); 13 (ii) precedente frequenza a qualsiasi programma strutturato di allenamento muscolare del pavimento pelvico; (iii) precedente intervento spinale o pelvico; (iv) deficit neurologico progressivo, anomalia strutturale, infezione acuta, trattamento di mal di schiena in corso da parte di altri operatori sanitari, grave instabilità, grave osteoporosi e grave malattia cardiovascolare o metabolica.Tutti i partecipanti hanno completato un questionario comprendente dati demografici, anamnesi, punteggio Oswestry Disability Index (ODI) 14 e mal di schiena. I pazienti sono stati randomizzati all’intervento o al gruppo di controllo da un collaboratore indipendente entro 2 giorni dall’arruolamento, utilizzando buste chiuse opache. Lo studio è stato approvato dal comitato etico del Pudong New District Gongli Hospital e tutti i pazienti hanno fornito il consenso informato scritto prima dell’iscrizione.

 

Trattamento

Tutti i pazienti hanno seguito un piano di trattamento di 24 settimane di trattamento di routine, con ulteriori esercizi per il pavimento pelvico. Entrambi i programmi di trattamento erano guidati da fisioterapisti.Il trattamento di routine comprendeva l’ultrasonografia (1 MHz continuo a 1,2 W / cm2 per 5 min), la diatermia a onde corte (modalità continua per 15 minuti) ed esercizi terapeutici, secondo il protocollo Akuthota e coll. (Core stability exercise principles. Curr Sports Med Rep 2008). Il programma di esercizi muscolari del pavimento pelvico si basava sulla contrazione dei muscoli del pavimento pelvico per 6 secondi seguito da riposo per 6 secondi, con conseguente 5 cicli di contrazione / min. Il numero di cicli di contrazione è stato aumentato durante il periodo di trattamento di 24 settimane: settimana 1, 25 cicli / giorno (5 minuti totali); settimana 2, 50 cicli / giorno (10 minuti in totale); settimana 3, 75 cicli / giorno (15 minuti in totale); settimane 4-24, 100 cicli / giorno (20 minuti in totale) su indicazioni dello studio Cammu e coll. (10-year follow-up after Kegel pelvic floor muscle exercises for genuine stress incontinence. BJU Int 2000).

 

Risultati

Le misure di outcome sono state valutate ad inizio e dopo il periodo di trattamento di 24 settimane. Tutte le valutazioni sono state eseguite da tre fisioterapisti indipendenti e con esperienza che non erano impiegati nel centro di riabilitazione partecipante, non avevano avuto alcun contatto con i pazienti durante il periodo di trattamento e sono stati resi “ciechi” alle assegnazioni di trattamento. Tutte le valutazioni hanno avuto luogo presso il Dipartimento di Medicina Riabilitativa, Pudong New District Gongli Hospital, Shanghai, Cina. Le misure di outcome includevano: (i) intensità media del dolore rispetto alla settimana precedente, valutata tramite VAS; (ii) disabilità, valutata tramite punteggio ODI; (iii) resistenza muscolare statica (durata del tempo in cui il paziente era in grado di mantenere una posizione prona e posizione supina in flessione; (iv) resistenza muscolare dinamica (numero di sit-up [flessioni] e allungamenti del tronco prono eseguiti in 1 min .

Conclusioni

I muscoli del pavimento pelvico costituiscono gran parte del nucleo del corpo, che è il fondamento per tutti i movimenti, l’equilibrio, la stabilità e la flessibilità. Il protocollo di esercizio dei muscoli del pavimento pelvico utilizzato nel presente studio è stato progettato per co-attivare i muscoli del nucleo superficiale e profondo, ed ha portato a miglioramenti nel dolore e nel punteggio ODI rispetto al trattamento di routine da solo. I parametri della funzione dorsale sono stati migliorati rispetto al basale in entrambi i gruppi di trattamento, senza differenze significative tra i gruppi. Questi risultati sono coerenti con i risultati di altri, che hanno dimostrato la superiorità di un programma di rinforzo del core a semplici esercizi di rinforzo per lombalgia cronica. Altri hanno suggerito, tuttavia, che gli esercizi di stabilità core non offrono alcun beneficio rispetto agli esercizi di fisioterapia convenzionali in termini di riduzione del dolore o della disabilità. Un programma di esercizi muscolari del pavimento pelvico comprendente 6 cicli di contrazione / giorno per 12 settimane non ha dimostrato alcun miglioramento aggiuntivo nel dolore o nel punteggio di ODI rispetto al trattamento di routine. L’allenamento più intenso e il periodo di trattamento più lungo (un minimo di 25 cicli di contrazione / giorno per 24 settimane) possono spiegare i significativi miglioramenti nel dolore e nella disabilità osservati nel presente studio. Migliorare le caratteristiche biomeccaniche dei muscoli nei pazienti con lombalgia può richiedere un allenamento muscolare a lungo termine del pavimento pelvico. Gli studi hanno dimostrato che è necessario un periodo di allenamento di ≥20 settimane per i pazienti con dolore persistente. In conclusione, gli esercizi del pavimento pelvico in combinazione con il trattamento di routine offrono benefici significativi in ​​termini di sollievo dal dolore e disabilità rispetto al trattamento di routine da solo.

 

FONTI

https://journals.sagepub.com/doi/pdf/10.1177/0300060513475383

Foto

pixabay janmarcust