Mi occupo di Idrokinesiterapia da oltre 15 anni. Mi sono specializzata presso la Fondazione IRCCS Santa Lucia di Roma, ospedale ad alta specializzazione di rilievo nazionale nel reparto di Idrokinesi. Dal 2014 promuovo corsi di formazione in METODICHE TERAPEUTICHE IN IDROKINESI.

Il prossimo corso si svolgerà il 23-24 Maggio presso il Centro Aurora Medica Tiberina di Roma

 

Il prossimo corso si svolgerà il 18-19-20 Maggio presso il Centro di Riabilitazione e Medicina Sportiva “Nostra Signora del Buon Consiglio”

Docente: dott.ssa Caterina Gruosso

Gli obiettivi generali del Corso sono: formare figure professionali che abbiano la capacità di organizzare, costruire, gestire e integrare programmi di riabilitazione in acqua con finalità di prevenzione e riabilitazione di specifiche patologie acute e croniche.
• Fornire gli elementi di base e gli strumenti didattici e formativi teorico-pratici per una preparazione complessiva sulle attività in acqua a scopo preventivo-riabilitativo, comprendenti sia il recupero funzionale sia le attività di prevenzione.
• Formare figure professionali che sappiano interagire all’interno di un progetto riabilitativo e di recupero funzionale con il rispetto dei reciproci ruoli e delle rispettive competenze.
• Specializzare figure professionali che utilizzino l’acqua come ambiente di esercizio specifico.
Caratteristiche del corso: Il percorso didattico prevede lezioni frontali, letture magistrali, discussioni di casi clinici secondo la tecnica del problem solving e sessioni pratiche in piscina.

L’esercizio terapeutico acquatico offre un ambiente adatto anche per periodi di allenamento intensivo. L’acqua minimizza gli effetti della gravità, riduce le forze di compressione e di taglio sulle articolazioni e offre quindi un mezzo di allenamento confortevole per i pazienti con problemi muscolo-scheletrici.Inoltre, offre una resistenza variabile e facilmente regolabile individualmente ai movimenti. La resistenza offerta dall’acqua ai movimenti aumenta con la velocità: la resistenza prodotta dall’acqua quadruplica quando la velocità raddoppia.Quindi, l’allenamento acquatico di tipo resistenziale progressivo sembra portare ad adattamenti sia funzionali che strutturali nel sistema neuromuscolare. Pertanto, in acqua, è possibile eseguire ogni ripetizione con il massimo sforzo in una modalità senza dolore ed ottenere la massima velocità di movimento possibile. Inoltre diminuisce la percezione del dolore e si possono incoraggiare i pazienti a migliorare la pratica e quindi a mantenere i benefici indotti dall’allenamento. Molti Trials clinici dimostrano che l’allenamento di resistenza acquatica aumenta la velocità abituale di camminata e il tempo di salita delle scale; inoltre è in grado di indurre miglioramenti marcati nella potenza e nella massa muscolare degli arti inferiori.

Metodiche Terapeutiche in Idrokinesi

Presentazione Powerpoint su SlideShare


Scopri di più

Per Informazioni contattami


Fai clic qui